Contattami

alemammadibea@gmail.com

giovedì 19 luglio 2012

Copri macchina per cucire, tutorial e...una favola.


Questa volta la voglio proprio sparare grossa:
ecco a voi il mio primo, ehm....TUTORIAL DI CUCITO!!!!!
Calma! prendi fiato!
Non è ancora un vero tutorial, perché quando mi metto a cucire, l'impazienza di vedere il risultato mi fa dimenticare di scattare le foto di tutti i passaggi fondamentali...sigh!
Allora ricomincio?
Sì!
ecco a voi il mio primo....MEZZO TUTORIAL DI CUCITO!!!!
Adesso, scommetto che siete voi impazienti di vedere che cosa ho combinato...

Un momento!
 Prima c'è la favola:
C'era una volta una Macchina per cucire che si chiamava Albertina; era stata regalata da un Principe alla sua giovane Principessa per una occasione importante, ma la Principessa, pur avendo apprezzato moltissimo questo dono (in fondo la desiderava tanto!), non le aveva trovato una collocazione degna nel suo castello, perché non si sentiva all'altezza di usarla: Diceva: "Leggerò, studierò, così quello che cucirò sarà perfetto! Per adesso è meglio che mi dedichi a ciò che so far meglio, d'altra parte che fretta c'è? Ho tutta la vita davanti!" Così, la Principessa passava da un'occupazione all'altra, senza accorgersi che Albertina se ne stava, triste ed inoperosa sopra uno scaffale ad impolverarsi. 
Intanto, trascorse qualche anno e il Principe si ammalò e, dopo qualche mese lontano da casa, morì. Che momento triste fu quello per la Principessa! Le sembrò che il tempo si fermasse in quel momento, il mondo finisse in quell'istante, tutto avrebbe perso il suo colore.... Molte cose che la Principessa usava spesso per esprimere la sua creatività vennero accantonate negli angoli più sperduti del suo castello, dentro degli scatoloni, tanto che dopo un po' non ricordava più di possederle; del resto che importanza aveva, non c'era più il suo Principe a guardarla mentre lavorava...
Intanto, nel Regno dove la Principessa abitava la notizia della morte del Principe aveva destato  grande scalpore, tanto che molte persone si erano strette attorno a lei per consolarla e far sì che non si chiudesse nel suo dolore. Tra queste c'era un valoroso Cavaliere, dal carattere dolce e al tempo stesso forte, che aveva assistito e partecipato intensamente al dramma della Principessa, perché anni addietro aveva vissuto un'esperienza simile alla sua, la perdita della sua Dama. Egli, quindi, conosceva bene quel dolore e sapeva a cosa può portare. Per questo motivo, animato da nobili sentimenti, cominciò a far visita alla Principessa sempre più spesso, per far sì che ella tirasse fuori il peso che aveva dentro, raccontandole come aveva imparato a portare il suo.
Non fu necessario molto tempo perché i due giovani capissero quanto il loro incontro non fosse stato casuale e che i loro due Angeli, dal Cielo, avevano fatto sì che l'uno si prendesse cura dell'altra. Inoltre, avevano imparato che il tempo non va mai sprecato, ma vissuto intensamente, senza rimandare ad altri momenti le cose che si possono fare subito, sia che fossero importanti e sia che lo fossero meno.
Dopo poco, infatti, il Cavaliere e la Principessa si sposarono e ben presto, uno dopo l'altro nacquero tre bei principini.  Ogni cosa nel castello ritornò a vivere: furono riaperti gli scatoloni della Principessa e da essi vennero fuori pennelli e colori, fogli da disegno e matite, aghi, fili colorati, stoffe e...Albertina? direte voi, rimase polverosa sul suo scaffale? 

Albertina nella nuova collocazione, ma con lo squallido "vestitino di fabbrica"

Certo che no! Le fu trovata una degna collocazione sul tavolo da lavoro della Principessa  che finalmente, la mise all'opera e le cucì anche un vestito nuovo!
  
Adesso il Tutorial

Per realizzare il copri macchina ho usato uno scampolo di tessuto Ikea Fredrika, acquistato per pochi euro, con il quale ho realizzato anche dell'altro.
Per questo progetto vi occorrono:
  • due pezzi di stoffa 35x45 cm, per il davanti e il dietro;
  • due pezzi di stoffa 35x19 cm, per i lati;
  • un pezzo di stoffa 45x19 cm per il sopra; 
  • metro da sarta;
  • forbici;
  • gessetto;
  • spilli;
  • macchina per cucire.


Per ciascun pezzo ho calcolato 2,5 cm di margine per le cuciture.

Per ricavare un'apertura alla maniglia di trasporto della macchina, ho tracciato sulla stoffa con il gessetto un  rettangolo secondo le misure che vedete nella foto (18x3 cm); 



ho poi praticato un taglio  e rimboccato la stoffa in eccedenza verso l'interno, fermandola con una cucitura a zigzag tutt'intorno.


Ho ripiegato  su sé stesso per due volte  il bordo inferiore di ogni lato con l'aiuto del ferro da stiro, l'ho fermato con gli spilli e l'ho cucito. (fig. 1)
Dopo, ho unito i singoli pezzi tra loro e infine ho tagliato le eccedenze di stoffa e le ho rifinite con uno zigzag per non farle sfilacciare. (fig. 2)


Lo so! Come tutorial fa davvero pena: non conosco i termini tecnici del cucito, mancano le foto dei passaggi cruciali,...
.... però Albertina adesso è vestita proprio come una Regina!!!

18 commenti:

  1. Ma dai che va benissimo come tutorial!!! Bello il vestito della tua macchina da cucire e molto commovente la storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Con l'aiuto delle favole è molto più semplice parlare di sé.... Ciao!!!!

      Elimina
  2. La tua storia cara Alessandra raccontata magnificamente. Brava per il tuo tutorial. Un abbraccio. Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta! Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  3. Ma che carino il coprimacchina e la storia che dire...fantastica
    Volevo annunciarti la vincita di un premio passa dal mio blog a ritirarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Che onore! Passo, certo che passo! Ciao ;D

      Elimina
  4. Direi che il tutorial va benissimo, molto ben riuscito (hai fatto perfino le linee con le misure) e per le foto che mancano non importa, vedrai che ci prenderai la mano e ti verrà poi naturale immortalare tutte le fasi del lavoro! Complimenti per il coprimacchina che hai realizzato, è veramente ben fatto e hai utilizzato una gran bella fantasia! Ma la cosa più dolce è che hai voluto vestire, prenderti cura della tua Albertina...Ho letto la tua favola, è commovente perchè è la tua, si sentono le emozioni che ci sono dentro. E poi il finale, quella creatività che finalmente ritorna alla luce è energia pura. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre, cara Ninfa, non mi fai mancare il tuo commento affettuoso... Ti considero un po' come la "madrina" del blog, sei stata la mia prima follower, per cui sono proprio contenta che ti sia piaciuto il mio lavoro e che la mia storia ti abbia emozionata. Non amo molto parlare di me, ma quello che ho vissuto ha dell'incredibile, non posso tenerlo solo per me! Ti abbraccio anche io. Grazie di essere passata ;D

      Elimina
  5. Molto bello, sei bravissima, come sempre, un vulcano di idee ed energia!Ti auguro buon inizio settimana e se hai tempo, da me c'è qualcosa x te!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede! Sei sempre gentile con me! Appena torno a casa passo da te! Intanto, un grande grazie! Ciao. :)

      Elimina
  6. Molto bello, complimenti ciao sono mamma di due gemelline di quattro anni ad Ottobre ormai se ti va di fare un salto nel mio mondo, ti aspetto! grazie ti ho gia inserito nei blog che seguo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Le tue bimbe sono coetanee del mio secondo, lui gli anni però li compie a novembre.
      Verrò sicuramente a trovarti, mi incuriosisce molto la vita di una mamma "gemellare"! A presto, ciao.

      Elimina
  7. Sono capitata qui per caso, ma mi hai raccontato una bella storia! Sei stata brava a guardare avanti, bello il finale.....
    Ti auguro che con l'aiuto di Albertina tu non smetta mai di realizzare cose bellissime per te e per i folletti della tua fiaba.
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero di cuore per il tuo commento e per il tuo augurio, torna a trovarmi. Ciao.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Ho scoperto il blog solo 5 minuti fa, ed ho trovato questa " favola" così personale e bella...
      Grazie.
      E la copertina per Albertina è bellissima!
      Io ho una macchina da qualche settimana, e credo proprio che domani mi cimenterò con il primo lavoretto... bimbo permettendo.
      Un grande abbraccio
      Rossella di www.voglioesserfelice.blogspot.it

      ps: sono anche io una di quelle che prima di fare una cosa legge 100 manuali... e poi non la faccio.

      Elimina
  9. Ciao!
    Ho scoperto il blog solo 5 minuti fa, ed ho trovato questa " favola" così personale e bella...
    Grazie.
    E la copertina per Albertina è bellissima!
    Io ho una macchina da qualche settimana, e credo proprio che domani mi cimenterò con il primo lavoretto... bimbo permettendo.
    Un grande abbraccio
    Rossella di www.voglioesserfelice.blogspot.it

    ps: sono anche io una di quelle che prima di fare una cosa legge 100 manuali... e poi non la faccio.

    RispondiElimina
  10. scusa ho fatto un pò di pasticci con il commento!
    notte notte

    RispondiElimina

DIMMI! SONO TUTT'ORECCHI!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...